Parodontologia

La paradontologia si occupa della diagnosi, prognosi e terapia delle malattie del parodonto, cioè di tutti i tessuti di sostegno che sopportano il carico del dente: la gengiva, il legamento parodentale, il cemento radicolare e l’osso alveolare.

Il Dottore che nel nostro Studio si occupa di curare la malattia parodontale è il dr. Angelo Longo.

Le patologie del parodonto colpiscono due terzi della popolazione e possono causare la perdita dei denti. La causa della malattia è la placca batterica (cattiva igiene orale), il tartaro, le otturazioni malfatte, le protesi debordanti, la malocclusione e i denti storti.

Esistono poi situazioni che rendono il terreno più ricettivo nei confronti della malattia parodontale: familiarità, diabete, gravidanza, uso di anticoncezionali a base ormonale.

Il primo sintomo che fa sospettare l’insorgenza della malattia parodontale è il sanguinamento della gengiva; questa prima fase nella quale c’è soltanto emorragia e gonfiore prende il nome di “gengivite marginale” ed è sempre causata da placca e/o tartaro.

Questa fase è completamente reversibile: è sufficiente rimuovere il tartaro e riprendere le manovre corrette di igiene orale per riavere la gengiva marginale in perfette condizioni di salute.
Se però la malattia continua, si ha il progressivo “distacco” della gengiva con conseguente riassorbimento (cioè distruzione) dell’osso.

Si forma allora una sacca (detta “tasca parodontale”) che il paziente non riesce più a tenere pulita: l’accumulo di placca batterica e di tartaro continuano a distruggere l’osso di sostegno fino a che il dente comincia a dondolare.
Questo processo impiega molti anni per giungere a compimento a seconda delle particolarità di ogni bocca e delle resistenza di ogni organismo: si tratta infatti di una malattia cronica, cioè lenta e progressiva, che ha delle fasi di acutizzazione (ascessi parodontali).

Le tasche parodontali devono essere eliminate chirurgicamente: l’intervento più semplice (dopo una accurata seduta di ablazione del tartaro fatta dalla nostra igienista) è quello della rimozione con anestesia del tartaro sotto gengiva (root planing) seguito da “gengivoplastica” o della “gengivectomia”.

Talvolta, se è rimasta poca gengiva, è necessario fare interventi più complessi (per esempio il “lembo a scivolamento”) con cui si riesce a ridurre la profondità della tasca senza asportare la “gengiva aderente”.
Nei casi di grave perdita gengivale si ricorre ad un “innesto” di gengiva prelevata dal palato: una specie si autotrapianto che permette di ridare al dente la gengiva aderente persa.

Da alcuni anni sono state messe a punto delle tecniche per ottenere la “rigenerazione ossea” in quei casi in cui la tasca è molto profonda e ha distrutto una quantità notevole di osso.
Si inserisce fra la gengiva ed il dente dell’osso sintetico ricoperto da “membrane” apposite che hanno la funzione di impedire alle cellule gengivali di riempite la tasca.
Effettuare precocemente una corretta diagnosi di malattia parodontale ci permette di intercettare il problema, valutarne la gravità e scegliere la terapia più consona.
Il paziente parodontale dovrà entrare in un percorso di terapia causale parodontale che ci permetta di valutare la progressione della malattia attraverso una serie di radiografie e un sondaggio parodontale che ci darà una serie di dati utili per classificare il paziente e definire il grado di malattia.

Questo tipo di valutazione ci permette anche di avere uno storico del paziente in modo da mappare i tessuti parodontali e vedere a distanza di anni la stabilità oppure la progressione della malattia.
Per valutare la malattia si usano dei dati rilevati con il sondaggio definiti “indice di placca” e “indice di sanguinamento” che ci definiscono lo stato di progressione della malattia.

Direttore Sanitario Dr. Corrado Cavalca| Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università di Milano nel 1974| Specializzazione in Odontoiatria e Protesi Dentaria conseguita il primo luglio 1977 a Milano| Iscrizione all'Albo dei Medici Chirurghi di Genova dal 25/11/1977 al n. 8160 | Iscrizione all'Albo degli Odontoiatri dal 24/01/2005 al n. 1061

l sottoscritto dichiara che il messaggio informativo contenuto nel presente sito web è diramato nel rispetto delle linee guida contenute nelle Direttive per l'autorizzazione della pubblicità e dell'informazione su siti internet e per l'uso della posta elettronica per motivi clinici. Dichiara, inoltre, che il sito web corrisponde alle linee guida inerenti l'applicazione degli art. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.

Le informazioni contenute in questo sito web non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita medica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.